Consob

La Consob è la Commissione nazionale per la società e la borsa. Istituita nel 1974, supervisiona i mercati finanziari e borsistici, promuove lo sviluppo e la trasparenza sui mercati mobiliari e tutela gli investitori.

Prima che venisse istituita la Consob era il Ministero del Tesoro italiano a occuparsi della supervisione e del controllo delle attività svolte sui mercati. Inizialmente, alla Commissione è stato affidato il compito di vigilare sulle società quotate e sui fondi mobiliari. Nel corso degli anni, la legge ha poi ampliato le competenze di questo organo, che si occupa oggi di vigilare sul corretto funzionamento dei mercati, di contrastare le attività di insider trading e di supervisionare l'attività delle società per azioni quotate, degli operatori finanziari e degli investitori istituzionali. La Commissione è l'organismo di vigilanza cui spetta per legge la tutela del pubblico risparmio.

I compiti che la legge attribuisce alla Commissione nazionale per la società e la borsa sono numerosi. Tra i principali, rientrano la regolamentazione degli obblighi informativi in capo alle società quotate e in capo agli intermediari che offrono al pubblico prodotti finanziari; l'approvazione dei documenti elaborati in caso di presentazione di un'offerta pubblica d'acquisto (OPA); l'accertamento di anomalie nelle contrattazioni, il contrasto ad azioni di insider trading, aggiotaggio e altre attività che generano alterazioni dei mercati finanziari; il controllo delle informazioni finanziarie fornite al pubblico da società quotate e istituzioni finanziarie. Quando la Commissione accerta violazioni delle norme vigenti, infligge una sanzione ai soggetti su cui ha il compito di vigilare.